La ex-Villa Lusi (Villa Holdert) alla cultura!
 
alt

Una proposta del Consorzio SBCR per trasformare un caso di mala politica in un'opportunità culturale: restituire alla cittadinanza Villa Holdert, di proprietà del senatore ex-tesoriere della Margherita Luigi Lusi, accusato di aver utilizzato illecitamente i soldi del partito tra cui quelli - ca. due milioni di euro - con cui ha acquistato e restaurato a Genzano, nei pressi della biblioteca comunale, questa splendida proprietà secentesca, già Villa Holdert o Villa dei Cedri, recentemente chiamata da Rutelli con l'ennesimo appellativo di 'Villa Margherita', ribadendo "l'assoluta determinazione del suo partito a recuperare tutto il maltolto e destinarlo a finalità pubbliche e sociali. La villa di Genzano, in particolare - ha detto Rutelli - potrebbe essere affidata ad un ente pubblico".

 La proposta di acquisire questa dimora, restituendola ai cittadini come centro di aggregazione sociale, è partita dal Consorzio Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani (SBCR) e dalla Fondazione Cultura Castelli Romani (FCCR) ed ha raccolto l'adesione dei 17 Comuni dell'area.

Attraverso la pubblicazione sul web e sui social network - a fine maggio 2012 - di un appello rivolto ai vertici della Margherita, si sta diffondendo l'iniziativa di restituire alla cittadinanza questo luogo storico e farne un vero e proprio incubatore culturale, "luogo aperto a tutte le realtà sane, nell'offrire alle associazioni, alle aziende, ai singoli cittadini una importante opportunità di incontrarsi, scambiare idee e progetti, produrre nuovi contenuti e nuovo valore". All'interno del testo si sottolinea, infatti, la mancanza effettiva di "uno spazio fisico dedicato alla conoscenza e valorizzazione del territorio e delle sue molteplici potenzialità" rendendo difficoltoso il tentativo di fare rete tra i "diversi soggetti oltre a sfavorire il confronto e lo scambio tra le diverse professionalità".

"Diventi il luogo della cultura dei Castelli Romani - sostengono le biblioteche per voce del loro direttore, Ester Dominici -, una grande vetrina dei nostri 17 Comuni (Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Ciampino, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Monte Compatri, Monte Porzio Catone, Nemi, Rocca Di Papa, Rocca Priora, Velletri) con i talenti e le potenzialità insite nelle diverse competenze dei nostri giovani e delle aziende". Una sorta di SPAZIO pubblico pluriattrezzato, dal ristoro alla biblioteca, dai laboratori per i giovani all'ambiente, luogo ideale per le relazioni interpersonali e gli studi e, per le aziende del territorio, opportunità di proporsi ad un pubblico eterogeneo e variegato. "Nella grande villa con parco - spiega Ester Dominici - potrebbero convivere più spazi in grado di offrire una pluralità di servizi a chiunque, dall'internet-point alla musica dal vivo, favoriti dall'apertura continua diurna comprese le prime ore della sera. Ci sarebbero anche degli information point per le attività di comunità, per l'offerta culturale, ricreativa e sportiva; dove sarà possibile prendere materiale informativo e promozionale; acquistare biglietti (teatro, cinema, bus, treno); prenotare una gita, una visita, un percorso guidato; oppure prendere in prestito un libro, una rivista, un film, un cd musicale".

Riepilogo delle azioni messe in campo dal Consorzio SBCR e dalla Fondazione Cultura Castelli Romani per destinare Villa Lusi alla Cultura:

1. Appello ai vertici della Margherita
Villa Lusi diventi il luogo della Cultura dei Castelli Romani
Lo chiedono tutte insieme le biblioteche

2. Comunicato stampa Consorzio SBCR e Fondazione FCCR
Le biblioteche dei Castelli Romani rivolgono un appello a Rutelli: Villa Holdert diventi motore di cultura
Il Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani propone di farne uno spazio pluriattrezzato di valorizzazione del territorio

3. Raccolta firme
Hanno aderito in gran numero le associazioni culturali dei Castelli Romani, personalità del mondo della cultura e dello spettacolo. E il numero delle firme a sostegno cresce di giorno in giorno.

 


 

Articoli di approfondimento tratti dalla rivista Vivavoce:

Caso Lusi: che fine farà la villa di Genzano?
Vivavoce n. 111 luglio 2012

Villa Lusi diventi il luogo della cultura dei Castelli Romani
Vivavoce n. 111 luglio 2012

Le biblioteche dei Castelli Romani rivolgono un appello. Rutelli: Villa Holdert diventi motore di cultura
Vivavoce n. 111 luglio 2012

BIBLIOTECHE

SOCIAL MEDIA

vivavoce 133
Numero Speciale
 N.133 / N.134

Questo sito fa uso di cookie, propri o di terze parti,per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information